ricettacolo

[ri-cet-tà-co-lo]
In sintesi
luogo di raccolta, rifugio
← dal lat. thalămu(m), che è dal gr. thálamos.
1
Luogo naturale o artificiale che può ricevere, contenere cose o persone: un r. sotterraneo; la parete del monte non offriva nessun r.
2
estens. Luogo di raccolta, rifugio: quel bar è il r. di molti studenti; quella sporcizia è un r. di germi e infezioni; fig. un uomo che è il ricettacolo di tutti i vizi SIN. rifugio
3
BOT Parte alla base del fiore in cui sono inseriti i vari organi florali SIN. talamo