plusvalore

[pluʃ-va-ló-re]
In sintesi
differenza esistente fra il valore della merce prodotta dal lavoratore e quello della sua retribuzione
← comp. del lat. plūs ‘più’ e valore, sul modello del ted. mehrwert.
1
Nella teoria marxiana, differenza, di cui si appropria indebitamente il capitalista-imprenditore, tra il valore del lavoro prestato dal lavoratore e la remunerazione che questi ne percepisce
2
ECON Plusvalenza