falcidia

[fal-cì-dia]
In sintesi
strage, sterminio; tara, detrazione, notevole riduzione; quota spettante ai discendenti
← dal lat. (quărtam) falcidĭa(m) ‘quarto d’eredità’, dal nome del tribuno della plebe publio falcidio, che propose la legge (40 a.c.); ma con influsso di lx fălcis ‘falce’.
1
DIR Nel diritto romano, legge che assicurava all'erede la quarta parte dell'asse ereditario, al netto di ogni onere e debito
2
Riduzione, detrazione, defalco, taglio SIN. tara
3
estens. Strage, sterminio: una f. di nemici, di concorrenti