destituire

[de-sti-tu-ì-re]
In sintesi
rimuovere da un ufficio; privare
← dal lat. destituĕre, comp. di - ‘de-’ e statuĕre ‘fissare, collocare, stabilire’.
1
Privare del grado, dell'ufficio, rimuovere, spec. per punizione: lo hanno destituito dall'impiego; lo destituiscono per furto
2
lett. Privare; privare di validità || ant. Abbandonare

Citazioni
Suo padre e i suoi fratelli hanno dovuto fuggire la loro patria, e quella povera famiglia destituta di ogni umano soccorso è restata a vivere, chi sa come! di pianto.
Le ultime lettere di Iacopo Ortis di Ugo Foscolo
I più sospettati gemevano carcerati; gli altri, benchè d’antica e specchiata fama, erano tolti di notte alle proprie case, manomessi dagli sgherri, strascinati a’ confini e abbandonati alla ventura, senza l’addio de’ congiunti, e destituti d’ogni umano soccorso.
Le ultime lettere di Iacopo Ortis di Ugo Foscolo