contristare

[con-tri-stà-re]
contrìsto
In sintesi
rendere triste; affliggere
← dal lat. contristāre, deriv. di trīstis ‘triste’.

A
v.tr.

1
Rattristare, addolorare profondamente SIN. accorare, affliggere
2
fig., lett. Molestare, travagliare, turbare

B
v.intr. pr

contristàrsi Rattristarsi, addolorarsi: non devi contristarti per così poco

Citazioni
“A chi la tocca, la tocca,” replicò quello, con un certo sorriso sciocco. Renzo, vedendo che non ne caverebbe altro, seguitò la sua strada, più contristato.
I promessi sposi di Alessandro Manzoni
Perché i principj di sì bella impresa Contristar con sospetti? E far disegni Di terrori e di pene, ove null’altro Che lodi e grazie può aver luogo?
Il Conte di Carmagnola di Alessandro Manzoni
Ma, intra tante variazioni, non fu di minore momento il variare della religione, perché, combattendo la consuetudine della antica fede con i miracoli della nuova, si generavono tumulti e discordie gravissime intra gli uomini; e se pure la cristiana religione fusse stata unita, ne sarebbe seguiti minori disordini; ma, combattendo la chiesa greca, la romana e la ravennate insieme, e di più le sette eretiche con le cattoliche, in molti modi contristavano il mondo.
Istorie fiorentine di Niccolo Machiavelli
Mentre che questa guerra si travagliava, ribollivano tuttavia i maligni umori delle parti di dentro; e Cosimo de’ Medici, dopo la morte di Giovanni suo padre, con maggiore animo nelle cose publiche, e con maggiore studio e più liberalità con gli amici che non aveva fatto il padre, si governava; in modo che quelli che per la morte di Giovanni si erano rallegrati, vedendo quale era Cosimo si contristavano.
Istorie fiorentine di Niccolo Machiavelli