contrappunto

[con-trap-pùn-to]
In sintesi
combinazione di più melodie; alternanza di motivi stilistici in un testo letterario
← comp. di contra e punto 1, dall’espressione lat. mediev. ponĕre pŭnctum cŏntra pŭnctum ‘segnare nota contro nota’.
1
MUS Arte compositiva ed esecutiva consistente nell'associazione in un complesso armonico di due o più parti melodiche, più o meno autonome: maestro, lezione di c.; fare il c. a una melodia || estens. Il complesso armonico così ottenuto
2
estens. Accompagnamento || fig., scherz. Fare il contrappunto a qualcuno, imitarlo, scimmiottarlo; tenergli bordone, aiutarlo in azioni disoneste
3
fig. Compresenza di temi e situazioni tra loro contrastanti o complementari in un'opera artistica armoniosamente congegnata || lett. Mescolanza sapiente e sottile di cose varie e diverse: il mio assurdo contrappunto / di dolcezze e di furori (Quasimodo) SIN. intreccio, fusione