annichilire

[an-ni-chi-lì-re]
In sintesi
ridurre a niente, annientare, polverizzare, disintegrare; umiliare, constringere al silenzio
v.tr.

(annichilìsco, -sci, -sce, annichilìscono; annichilènte; annichilìto) Annichilare: quella notizia lo lasciò annichilito

Citazioni
Parmi dunque sin qui che voi mi abbiate esplicati gli accidenti d’un mobile sopra due diversi piani; e che nel piano inclinato il mobile grave spontaneamente descende e va continuamente accelerandosi, e che a ritenervelo in quiete bisogna usarvi forza; ma sul piano ascendente ci vuol forza a spignervelo ed anco a fermarvelo, e che ‘l moto impressogli va continuamente scemando, sì che finalmente si annichila.
Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo di Galileo Galilei
Ma questo primo ministro, dal sapersi sommamente abborrito, ne viene egli pure ad abborrire altrui sommamente; ond’egli gastiga, e perseguita, e opprime, ed annichila chiunque l’ha offeso; chiunque può offenderlo; chiunque ne ha, o glie ne viene imputato, il pensiero; e chiunque finalmente, non ha la sorte di andargli a genio.
Della Tirannide di Vittorio Alfieri
In queste funeste perplessità, che purtroppo turbavano ed annichilivano ogni mia soddisfazione del vederla liberamente dalla mattina alla sera; ed inoltre fra le angustie d’un processo già intavolato ed assai spiacente per chiunque abbia onore e pudore; così si passarono i tre giorni dal mercoledì a tutto il venerdì, finché il venerdì sera insistendo io fortemente per estrarre dalla mia donna una qualche più luce nell’orrido enimma dei di lei discorsi, delle sue malinco- nie, e diffidenze; finalmente con grave e lungo stento, previo un doloroso proemio interrotto da sospiri e singhiozzi amarissimi, ella mi veniva dicen- do che sapea purtroppo non poter essere in conto nessuno omai degna di me; e che io non la dovea né poteva né vorrei sposar mai...
Vita di Vittorio Alfieri